SAVOIARDI SENZA GLUTINE


1498043735089La scuola per Alice è finita, Agata ne avrà ancora solo per pochi giorni.

E’ arrivato anche il caldo, ma non quello piacevole, quello tossico che non ti fa respirare e non ti permette di andare neanche al parco.

Quindi come ogni estate, escogito piatti freddi di tutti i tipi, pietanze sia dolci che salate, che mi permettano di cucinare il meno possibile.

A volte però per preparare un piatto che verrà consumato FREDDO bisogna comunque cucinare e spadellare e scaldare la casa.

L’unica nota positiva è che si può cucinare al mattino presto, quando la temperatura è ancora gradevole, in modo che la cucina o il soggiorno non siano comunque CALDI al momento del pasto.

Ed ecco perché oggi vi propongo questi bellissimi savoiardi senza glutine (i savoiardi sono già senza latticini quindi non ho dovuto cambiare nulla!!!)

E’ vero che dovrete accendere il forno, ma è anche vero che cuociono in pochissimi minuti e che una volta sfornati saranno un’ottima base per molti dolci freddi come tiramisù, charlotte, zuccotto o accompagnati da una crema fredda profumata o semplicemente mangiati così a colazione.

Avevo già provato a farli seguendo la ricetta di Montersino ma non ero pienamente soddisfatta.

Poi avevo provato la ricetta di La cucina di Bimba Pimba che è una eccellente cuoca ma, probabilmente colpa del mio forno che ogni tanto impazzisce, mi erano usciti troppo morbidi.

Ho quindi “unito le due ricette”, o meglio, ho usato la ricetta di Rosa Maria aggiungendo la farina gialla come fa Montersino.

Il risultato è stato ottimo e i savoiardi sono usciti proprio come li volevo io: croccanti fuori e morbidi all’interno.

Per farina gialla non intendo la farina per polenta e nemmeno la farina “fioretto” come suggerisce Montersino. Ho usato la farina gialla impalpabile, come quella bianca. La trovate nei negozi bio o nei negozi specializzati negli alimenti senza glutine.

1498044041055

INGREDIENTI:

110 grammi di farina di riso FINISSIMA *

25 grammi di farina gialla FINISSIMA*

50 grammi di fecola di patate*

110 grammi di albumi

75 grammi di tuorli

130 grammi di zucchero

50 grammi di miele (acacia o millefiori)

1 pizzico di sale

la punta di un cucchiaino di polvere di vaniglia

qb zucchero a velo *

*Alimenti a rischio contaminazione per celiaci. Devono essere certificati.

1498044890147

NOTE
  1. Ho pesato gli albumi e i tuorli poiché influenzano TANTISSIMO la perfetta riuscita della ricetta.

  2. E’ indispensabile l’uso della tasca da pasticcere. Ho usato una bocchetta liscia molto grande (forse anche troppo) come vedete in foto. E’ molto utile averla anche per fare i bignè e si trova facilmente online.

P1160019

Iniziate montando gli albumi a neve con 100 grammi di zucchero fino ad ottenere una meringa densa e compatta. State attenti a non montarli troppo o farete poi fatica ad inglobare gli altri ingredienti.

Ottenuta la meringa mettete da parte e montate i tuorli con i restanti 30 grammi di zucchero e i 50 grammi di miele, la vaniglia ed il sale. Ricordate che montare i tuorli richiede più tempo che per gli albumi: saranno pronti quando diventeranno chiari e spumosi.

Mescolate insieme le due farine e la fecola.

Unite gli albumi montati alla crema di tuorlo con movimenti leggeri dal basso verso l’alto.

E’ IMPORTANTISSIMO NON SMONTARE LE PREPARAZIONI visto che la sofficità dell’impasto dipende da questo.

Ora aggiungete anche le farine SETACCIATE ma sempre con calma e con molta cura.

Preparate la leccarda con sopra della carta-forno oliata ed infarinata.

Quando il composto sarà omogeneo potrete riempire la vostra tasca da pasticcere (anche in più riprese) e stendere l’impasto avendo cura di distanziarlo molto perché crescerà con la cottura.

Dovrete ottenere delle strisce strette e lunghe, oppure come suggerisce Rosa Maria, potete anche farli tondi.

Spolverizzate con abbondante zucchero a velo tenendo presente che tende ad assorbirsi.

Cuocere a 160 gradi nel forno ventilato per circa 12/15 minuti.

Li ho fatti più volte e i tempi di cottura sono sempre cambiati quindi fate molta attenzione.

Se i savoiardi tendono a scurirsi troppo togliete la funzione ventilato.

Lasciare intiepidire e staccare dalla teglia.

Si conservano per più giorni in un sacchetto di plastica o in una latta per biscotti. A me piace farli seccare un giorno all’aria per averli ancora più secchi.

Il forte sapore di uovo tende a diminuire con il passare delle ore. Il giorno dopo è quasi inesistente.

1497529432679

Prossimamente useremo questi savoiardi per preparare un tiramisù davvero speciale, senza latticini e senza glutine!!!!!

NON PERDETEVELO 🙂

1497979207106

Annunci

16 pensieri su “SAVOIARDI SENZA GLUTINE

Fammi sapere che sei passato a trovarmi...lascia un commento e dì la tua!!!!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: