Mousse di melone vegana e senza glutine

mousse vegana senza glutine al meloneIl melone è uno dei miei frutti preferiti: adoro il colore giallo, e il sapore d’estate, fresco e deciso.

Purtroppo fatico non poco a digerirlo e lo mangio solo a pranzo e molto raramente.

Quest’anno ho deciso di farne un dolce che fosse anch’esso fresco e colorato, senza glutine e senza latticini. In realtà non ho usato nemmeno uova ed è nato quindi un dolce vegano dolcificato solo con sciroppo di agave.

La mousse è molto delicata ma il sapore del melone si sente molto e la nota di cacao sia sulla base che nei riccioli sulla cima si sposa benissimo con il dolce di questo dessert.

Se volete potete tenerli congelati fino al momento di servirli ma attenzione che nello scongelarsi fanno un poco di acqua non molto bella esteticamente da vedere.

La consistenza è proprio quella che desideravo: leggera e morbida, e anche se non ho usato né panna né uova è proprio come una vera mousse.

mousse senza lattosio e senza glutine

INGREDIENTI

Per la base:

100 grammi di mandorle

20 grammi di semi di girasole

2 cucchiai di sciroppo di agave

1 cucchiaio di olio di cocco

1 cucchiaino di cacao amaro*

Per la mousse:

300 grammi di melone mondato

100 grammi di anacardi messi in ammollo tutta la notte o mezz’ora in acqua caldissima (peso da anacardi già ammorbiditi)

2 cucchiai di sciroppo d’agave

200 grammi crema di cocco (la parte grassa delle lattine, quella solida che rimane alta se lasciate una notte in frigo)

3 grammi di agar agar

½ limone per il succo

80 grammi di latte vegetale*

Per il topping:

200 grammi di melone

0,5 grammi di agar agar*

2 cucchiai di acqua

Qualche ricciolo di cioccolato* e listarelle di melone per la decorazione

Necessita di stampi da muffin in silicone.

*Ingredienti a rischio contaminazione per celiaci.

mousse al melone vegana

Preparate la base.

Tritate le mandorle e i semi di girasole in modo abbastanza uniforme. Aggiungete il cacao, lo sciroppo di agave e l’olio di cocco. Tritate ancora qualche secondo.

Prendete gli stampi in silicone e posizionate un cucchiaio e mezzo di composto in ogni contenitore e compattate sul fondo molto bene aiutandovi con un cucchiaino.

Ponete nel frigorifero e preparate la mousse.

Mettete in un potente tritatutto o frullatore gli anacardi e il melone e il succo del limone e frullate. Aggiungete lo sciroppo d’agave e la crema di cocco e tritate fino ad ottenere una crema liscia e omogenea.

In un padellino mettete il latte vegetale con l’agar agar. Fate bollire per un paio di minuti quindi aggiungete al composto di anacardi e melone e mescolate con cura.

Versate il composto negli stampini arrivando fino al bordo.

Congelate per 4 ore o tutta la notte.

Preparate il topping frullando il melone e cuocendolo un paio di minuti con l’agar agar. Se fosse troppo acquoso eliminate il liquido in eccesso. Frullate per rendere omogeneo e lasciate intiepidire.

Prelevate i dolci dal freezer e premendo leggermente estraeteli dallo stampo.

Posizionarli in un piatto da portata.

Con un cucchiaino versate poco topping su ogni dolce e decoratelo con listarelle di melone e riccioli di cioccolato.

Servite scongelato.

mousse senza latticini e senza glutine

Trovate questa ricetta anche sul numero estivo di Enjoy Food Magazine, una rivista interamente dedicata alle ricette, con uno speciale sul melone!!!

Annunci

Semplicemente budino al cioccolato – senza latticini, glutine, uova

budino al cioccolato senza uovaUn dolce a cui non riesco a resistere, nonostante sia semplice, quasi scontato: il budino al cioccolato.

Se ben fatto e non troppo dolce potrei mangiarmene fino a stare male, è proprio uno di quei dolci a cui non riesco a dire no e che non riesco a smettere di mangiare, se poi non ha glutine, latticini nè uova è perfetto!

Per fortuna adoro il cioccolato fondente e mi piace il sapore amaro quindi metto sempre poco zucchero.

In queste settimane ho visto parecchi video su Instagram di una mattonella al cioccolato tagliata con un coltello caldo, molto molto invitante e godurioso.

Il nome che danno a questa meraviglia è CHOCOLATE MOUSSE CAKE ma andando a vedere il procedimento ho esclamato: ma è budino!!!! Ed essendo mezza bresciana forse è scappato anche un non molto delicato “POTA” 😳

Si perché per noi italiani altro non è che un semplice budino.

L’unica differenza è che lo fanno a forma di torta e che lo spolverano con il cacao amaro e poi il tocco finale, lo tagliano a fette belle grosse con un coltello caldo.

Il video è meraviglioso, ho provato a riprodurlo senza successo, ma il budino l’ho fatto e ve lo ripropongo ovviamente senza lattosio perché non ho usato latticini e senza glutine. In più è anche senza uova il che lo rende più leggero e più digeribile, il che non guasta.

Io ho usato poco zucchero e per i miei gusti è perfetto, ma se siete molto dolci mettetene 20 o 30 grammi di più.

Io oltretutto ho usato latte di riso e mandorle che è già dolce di suo, quindi regolatevi anche in base al latte vegetale che scegliete.

L’uso della crema di cocco (la parte grassa che affiora nelle lattine di latte di cocco lasciate in frigo) è facoltativa, lo rende più cremoso visto che non ci sono uova. Se non lo volete usare mettete lo stesso quantitativo di latte vegetale.

budino senza glutine e lattosio

INGREDIENTI

1 litro di latte di riso e mandorla

100 grammi di crema di cocco

50 grammi maizena*

60 grammi cacao amaro*

50 grammi di zucchero

300 grammi di cioccolato al 70 %

budino senza lattosio

Mescolate in un pentolino il cacao, la maizena e lo zucchero. Versate i 100 grammi di crema di cocco e mescolate bene con una frusta per togliere i grumi.

Versate il resto del latte e sempre mescolando portate a ebollizione.

Fate bollire per un minuto e spegnete la fiamma.

Versate il cioccolato spezzettato e mescolate fino a che non sarà sciolto.

Versare in uno stampo da plumcake leggermente bagnato.

Lasciate raffreddare e poi in frigo almeno tre o quattro ore.

Al momento di servirlo staccare leggermente i lati e ribaltatelo su un piatto da portata.

Smoothie mango-ciliegie

Smoothie mango ciliegie

Uscire all’alba a correre è una delle poche cose che apprezzo nell’estate. L’aria fresca che ti accarezza la pelle, il cinguettare più insistente dei passerotti e dei merli e il veloce volo delle rondini. Qualche gallo che in lontananza annuncia l’arrivo del sorgere del sole ed io che percorro la mia amata pista ciclabile lungo il fiume.

Il sentiero è basso ed è molto presto, il sole ancora non si vede. Corro senza musica, solo con il mio fiato che da il ritmo e il rumore dei miei passi sulla ghiaia. La natura si sveglia ed io con lei, non potrei mai rinunciare a questa sensazione e ad immergermi in questo panorama. Arriva la salita e il cielo si fa più chiaro ed io che rapita da mille pensieri corro verso il cielo terso e cristallino. La strada è lunga il passo spedito, mi infilo accanto ai campi di granoturco dove i  rumori sono più attutiti e l’orizzonte si confonde. E’ ora di tornare, i chilometri sono passati veloci, il caldo prende leggermente il sopravvento ed ora la vedo: ecco l’alba che attendevo, il sole si affaccia al limitare del sentiero, dapprima quasi timido ma dopo pochi minuti il suo calore è già acceso.

Arancione, rosso, giallo che si tuffano nel cielo già rischiarato. Vorrei poter vivere questi attimi in eterno, vorrei poter riprodurre queste tonalità…

Questo è il mio tentativo di legare e imprigionare quelle sensazioni quei brevi istanti in una ricetta. Ho sfruttato i colori della natura e ho immaginato e riportato alla mente le emozioni che provo alla vista dell’alba. Il risultato è uno smoothie fresco e colorato che Agata e Alice hanno divorato!

Questa che segue non so nemmeno se è possibile definirla “ricetta” da quanto è facile ed immediata. A volte ci scordiamo di ciò che è più semplice e sano per la merenda.

Le mie bimbe adorano i frullati ma in estate è bello bere qualcosa di fresco e quindi lo smoothie è l’ideale!

E so anche cosa state pensando: che differenza c’è tra frullato e smoothie??!!

Differenze tra smoothie e frullato e frappè.

Il frullato è fatto con frutta fresca con l’aggiunta di latte.

Lo smoothie è prevalentemente fatto con frutta congelata e l’aggiunta di ghiaccio, ha una consistenza molto più densa del frullato.

Il frappè è come lo smoothie: freddo ma questo grazie all’aggiunta, oltre alla frutta, del gelato.

 

smoothie mango ciliegia

mango ciliegia

INGREDIENTI

400 grammi di polpa di mango congelata (circa 2 mango MOLTO MATURI)

400 grammi di ciliegie snocciolate congelate

4/6 tazzine da caffè di acqua

smoothie senza lattosio mango ciliegia

Tagliate con un coltello la polpa del mango e frullatela con due/tre tazzine di acqua.

Mettete in un bicchiere.

Frullate anche le ciliegie con la restante acqua.

Aggiungete al bicchiere.

Sorseggiate ben freddo.

Come vi avevo accennato la ricetta è già terminata ed è veloce, rapida e vedrete che finirà altrettanto velocemente!!!! 🙂

Ciambelline soffici con glassa ai mirtilli – senza glutine e senza latticini

ciambelline senza glutineOggi è la giornata mondiale dei pic-nic e non potevo non partecipare visto che li adoro!!!

Immersi nel verde della natura, in montagna a mangiare su un prato, gustandosi cibi semplici, con l’aria fresca che muove i capelli.

Le bimbe che giocano nel bosco, senza paure, senza cellulari né televisione.

Godersi il momento, la famiglia e non avere fretta, mangiare quando si ha fame anche se è presto e guardarsi negli occhi: ridere, scherzare e respirare a pieni polmoni.

Nulla di meglio di un pic-nic in famiglia sia che voi decidiate di trascorrerlo in montagna, al mare.

Qualche anno fa andavamo spesso in riva al lago sotto dei grossi salici piangenti a mangiare per la cena. Durante la settimana il lago è semivuoto e al tramonto i colori lo tingono di un blu intenso. Le papere starnazzano lontane e si ode il fruscio delle canne nate a riva.

Nulla di meglio per cenare con un’ottima insalata fredda di farro,lentamente, assaporando ogni boccone e con le persone che amo al mio fianco.

Ovviamente in un pic-nic con i fiocchi non può mancare il dolce.

Serve qualcosa di pratico e magari monoporzione.

Le ciambelline sono l’ideale, abbastanza sfiziose con una coloratissima glassa ai mirtilli!

E quindi vi lascio la ricetta e vi invito a visitare gli altri blog che partecipano al Pic-nic Day.

In quest’occasione sia con il gruppo di Food and Beauty sia con le ragazze di Lick the Bowl abbiamo organizzato tante ricette.

interno ciambelline senza glutine e senza lattosio

INGREDIENTI

2 uova

60 grammi di farina di riso finissima *

15 grammi di fecola di patate *

1 cucchiaino di lievito *

40 grammi di zucchero

1 pizzico di sale

40 grammi di olio

40 grammi di acqua

scorza di mezzo limone

Per la glassa:

50 grammi di mirtilli

un cucchiaio di succo di limone

un cucchiaio di acqua

100 grammi di zucchero a velo*

*ingredienti che devono essere certificati per celiaci

donuts senza glutine e senza lattosio

Preriscaldare il forno a 160 gradi.

Innanzi tutto Cuocete i mirtilli con l’acqua e il succo di limone, tenendo un coperchio per non far evaporare troppo i liquidi, fino a che non sono disfatti e fateli raffreddare.

Dividete i tuorli dagli albumi e montate a neve con lo zucchero questi ultimi.

Mettere in una ciotola le farine, il lievito, il sale e la scorza di limone.

Aggiungere senza mescolare l’olio, i tuorli e l’acqua.

Mescolare con cura fino a che tutto è amalgamato.

Incorporare gli albumi montati a neve con una spatola e movimenti molto lenti per non smontare il tutto.

Oliare e infarinare gli stampi da donuts e versare il composto all’interno, senza riempire troppo: io per fare questa operazione ho messo l’impasto in una tasca da pasticcere.

Cuocere per circa 15/20 minuti, fate la prova stecchino.

Sfornare e lasciare raffreddare. Nel frattempo preparate la glassa.

Filtrate i mirtilli cotti in modo da avere solo il liquido e non le bucce.

In una ciotola mettete lo zucchero a velo e versate a poco a poco il succo di mirtilli, mescolando per ottenere una consistenza abbastanza spessa. Deve poter colare sulle ciambelline ma abbastanza densa da non essere trasparente.

Posizionare le ciambelline su una gratella e con un cucchiaino versate la glassa.

Aspettare che asciughi e buon pic nic!

L'immagine può contenere: cibo e testo

E per le ispirazioni di Food and Beauty guardate cosa ha preparato di buono Lucia nel suo blog SALUTE E BELLEZZA IN CUCINA, una cheesecake in barattolo, senza glutine e senza lattosio!

#ispirazioni #pic-nic

Visitate anche la pagina FB di Lick the bowl per vedere altre ricette per i pic-nic tutte con qualche senza!!!!

Neapolitan Brownie Cake – senza glutine e lattosio

torta brownie-ftragole senza lattosio (1)Questa torta è stata proposta dalle ragazze del re-cake 2.0 per il mese di maggio. Inutile dirvi che è stato amore a prima vista e volevo assolutamente rifarla senza glutine e senza latticini.

Arrivata ad oggi, 30 maggio 2019 mi rendo conto che è l’ultimo giorno utile per pubblicarla, ed io la torta alle 11.00 non l’ho neanche fatta.

Controllo in dispensa, ho tutto, anche le fragole.

Inizio, non sapendo se farò in tempo, considerando bambine orari di fine scuola, corsi, sport, appuntamenti vari.

Alla fin fine ce l’ho fatta anche se sto scrivendo nel dopo-cena.

E’ una torta strepitosa, ne vale proprio la pena di aver corso così per farla.

E vi dico una cosa in più, domani la rifarò per la festa di fine anno!!!!!

Non è molto complicata, il brownie è facilissimo; unica difficoltà forse per chi è più inesperto è la meringa italiana ma non è per nulla complicato, ve lo assicuro.

I sapori così intensi di questa Neapolitan brownie cake vi sorprenderanno: l’amaro del brownie dato dal cacao, il dolce fruttato della mousse, il dolcissimo e quasi caldo della meringa italiana ed infine il fresco acidulo delle fragole: tutto in un unico morso. Sapori che si uniscono sulla vostra lingua e che delicatamente si incorporano accarezzando il vostro palato.

Una fetta non vi basterà, ve lo assicuro!

Ed ora veniamo alle modifiche che ho fatto per renderla senza glutine e senza latticini.

Per il brownie ho semplicemente sostituito il burro con olio e burro di cacao che dà struttura.

Per la mousse mi serviva qualcosa di grasso e che incorporasse aria come la panna: ho scelto quindi di fare una parte di crema di cocco (in questo post spiego bene che cos’è) e una parte di meringa italiana che era già prevista.

Per il resto ho seguito alla lettera la ricetta data ed è venuta una bomba!

Fate attenzione a non far cuocere troppo il brownie: dopo 30 minuti vi sembrerà crudo ma non lo è, è il burro di cacao e l’olio. Il burro di cacao una volta freddo tenderà a tornare solido e quindi si rapprenderà.

Deve essere una base morbida e umida, anche perché non ha lievito.

torta mousse brownie senza glutine e lattosio

INGREDIENTI

Per il brownie:

200 grammi di olio di semi

30 grammi di burro di cacao

300 grammi di zucchero

1/2 cucchiaino di sale

1 cucchiaino di estratto di vaniglia *

150 grammi di cacao amaro in polvere*

4 uova medie

150 grammi farina di mandorle*

Per la mousse di fragole:

400 grammi di fragole dovremo ottenere 400 ml di purea

1 cucchiaino di succo di limone

5 fogli di colla di pesce (10 grammi)

250 grammi di crema di cocco (la parte grassa delle lattine di cocco)

120 grammi di meringa italiana prelevata dalla dose totale qui sotto.

120 grammi di zucchero a velo (controllate che sia senza lattosio)*

Per la meringa italiana:

250 grammi di zucchero semolato extra fine

125 grammi di albumi

50 grammi di acqua

Per decorare:

Fragole

Cioccolato 80 % fuso*

*ingredienti a rischio contaminazione per celiaci

torta mousse fragle senza glutine e lattosio

 

Preparate il brownie. In una casseruola mettete l’olio e il burro di cacao a far scaldare. Quando il burro di cacao è sciolto spegnete la fiamma e aggiungete lo zucchero e il cacao, mescolando di tanto in tanto finché non è tutto fuso e amalgamato. Quando sarà più tiepido aggiungete al composto la vaniglia, le uova una alla volta e la farina di mandorle. Mescolate bene finché non è tutto amalgamato.

Mettete l’impasto in uno stampo a cerniera da 23 cm di diametro, rivestito di carta forno. Cuocete a 180 gradi per 30 minuti, facendo attenzione a non stra-cuocerlo. Sfornate e lasciate raffreddare completamente. Rimuovete il brownie, ricoprite i bordi dello stampo con pellicola trasparente, ancora meglio se avete un rullo di acetato, e rimettete il brownie all’interno.

Preparate la mousse di fragole. Frullate le fragole fino a ottenere 400 ml di purea. Montate la crema di cocco e preparate la meringa italiana. Mettete l’acqua e lo zucchero in una casseruola e portate lo sciroppo a 110 gradi. A questo punto iniziate a montare gli albumi in planetaria. Quando lo sciroppo avrà raggiunto i 121 gradi, versatelo a filo sugli albumi, abbassando la velocità della planetaria. Aumentate nuovamente la velocità e continuate a montare finché il composto non si sarà raffreddato. Dovrete ottenere una meringa liscia, bianca e lucida. Prelevatene 120 grammi e uniteli alla crema di cocco montata con movimenti dal basso verso l’alto per non smontare il tutto.

Mettete la colla di pesce ammollo in acqua fredda per 10 minuti. Scaldate la purea di fragole con lo zucchero e il succo di limone, togliete dal fuoco e aggiungete la colla di pesce strizzata. Mescolate finché non si sarà sciolta. Fate raffreddare completamente finché la purea non avrà tirato.

Iniziate ad aggiungere il composto di cocco e meringa alla purea di fragole fredda e incorporatela delicatamente. Versate la mousse nello stampo del brownie e lasciatela in frigo qualche ora.

Mettete la rimanente meringa italiana in una sac à poche con beccuccio Rimuovete la torta dallo stampo e mettetela sul piatto. Completate con la meringa e, se volete, fiammeggiate con il cannello.

Decorate con fragole e fili di cioccolato fuso.

Conservate la torta in frigo.

Ecco la locandina della re-cake!

59700858_10217284247630856_8817411302835093504_n

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: